FoodsRicette

Cena light veloce e low cost: il risotto di gamberetti al lime

In cucina d’estate vige un’unica regola: solo piatti light e veloci, per avere il meglio del gusto e passare pochissimo tempo ai fornelli. Una portata fresca e leggera è dunque quello che ci vuole quando le temperature salgono e il risotto di gamberetti al lime si propone come una delle opzioni migliori, per occasioni più o meno formali. Inoltre, per preparare questo piatto servono davvero pochissimi ingredienti ed è possibile usare sia gamberetti freschi che surgelati. Il mio consiglio a questo proposito è di dare un’occhiata ai prodotti in offerta sull’e-commerce della Coop per avere tutto il necessario con poca spesa e zero fatica. Cosa serve, dunque, per preparare questo risotto veloce e gustoso?

Il risotto di gamberetti al lime richiede pochi ingredienti, che dovranno essere però scelti con cura: riso, burro, limoni, cipolla bianca, brodo vegetale, pepe nero, sale, erba cipollina, vino bianco e, ovviamente, gamberetti. Come preparare questo freschissimo risotto? Per prima cosa occorre sgusciare e sbollentare i gamberetti in una pentola con acqua salata, per poi scolarli e metterli da parte. Fatto questo, bisognerà mettere le cipolle tritate finemente all’interno di una pentola imburrata e, dopo pochi minuti, aggiungervi il riso. Questo andrà quindi tostato, ma senza eccedere con i minuti: ne bastano davvero pochi. Durante la preparazione del riso, sfumarlo con attenzione con del buon vino e aggiungere qualche goccia di limone, per insaporirlo. Infine, versare il brodo vegetale poco per volta, facendolo assorbire man mano, e infine i gamberetti. Decorare il tutto con le scorzette di limone e un pizzico di erba cipollina.

Qualche trucco per un risotto a prova di chef

Un risotto che possa dirsi perfetto non è affatto facile da ottenere, serve tanta pratica, ma con qualche prezioso consiglio risulterà tutto più semplice. Partiamo dal brodo vegetale: dovrà essere composto esclusivamente da verdure di stagione, evitando di portarlo all’opacizzazione. Il vino utilizzato per sfumare il risotto con il vino dovrà essere sempre freddo, così da evaporare e non alterarne il gusto. Infine, il tocco da maestro: mescolare il riso usando una frusta e non altri utensili da cucina, così da farlo respirare ed evitare che possa attaccarsi.