Hi-Tech

Considerazioni da fare prima di scegliere un nuovo notebook

Scegliere il nuovo notebook? In apparenza una missione molto semplice, per via di una grande disponibilità in termini di modelli per tutti i gusti e per tutti i budget. In realtà è proprio questo fattore a rendere complicata la scelta di un nuovo portatile: dalle caratteristiche tecniche alla finalità di utilizzo, passando per le dimensioni e il peso, non tutti i notebook possono rivelarsi utili per i nostri scopi. Se anche voi vi trovate a vivere questa impasse, occorrono delle indispensabili considerazioni che vi aiuteranno a selezionare il portatile più utile per le vostre aspettative.

Qual è il budget di partenza?

Il primo passo è decidere un budget di partenza e un limite di spesa: è importante per evitare di farsi ingolosire da dispositivi troppo costosi o inutilmente potenti, soprattutto quando il portatile non vi serve per operazioni complesse. Intanto, è bene sottolineare l’importanza di controllare le varie offerte sui notebook presenti online: spesso il modo migliore per ampliare le proprie possibilità, senza eccedere nei costi. Detto questo, è bene conoscere anche le fasce di prezzo: quelli più economici si aggirano intorno ai 350 euro, mentre quelli più costosi superano i 1.000 euro. Nel mezzo si trova la fascia probabilmente più conveniente: quella che va dai 400 ai 700 euro.

A cosa mi serve il portatile?

Stabilito il budget e trovata la fascia di prezzo corretta, bisogna anche chiedersi a cosa servirà il portatile. Se tutto ciò che vi serve è navigare su Internet, allora con un Chromebook riuscirete ad ottenere un ottimo portatile low cost e agile. Al contrario, se dovrete utilizzarlo per lavorare, meglio investire in un laptop performante con almeno 4 GB di RAM. Anche l’agilità del dispositivo conta: la regola è scegliere quelli leggeri e dalle dimensioni contenute se vi serve molto in mobilità. Se invece lo usate a casa, vanno bene anche quelli più ingombranti.

Già detto della RAM, è importante studiare anche altre specifiche hardware, come ad esempio il processore e la GPU. In termini di processori, si parte da quelli basici come l’Intel Core i3, fino ad arrivare alle nuove generazioni i7, più costose. Fra le GPU più accessibili troviamo la AMD, mentre le schede grafiche nVidia sono generalmente più care, ma anche più potenti. È altrettanto importante saper scegliere fra HDD e SSD: il primo costa meno, ma è più lento rispetto al secondo. Infine la batteria, fondamentale per chi usa il portatile lontano da prese elettriche.