Travel

#FiestaOnTheRoad: alla scoperta delle gemme italiane

L’italia è un paese magnifico, spesso ce ne dimentichiamo e cerchiamo altrove bellezze da visitare, scoprire, vivere. Perciò, questa estate, io e Sabrina abbiamo deciso di metterci in carreggiata a bordo della nuova Ford Fiesta ed andare alla ricerca di alcune gemme italiane nascoste. Siamo partite da Milano, direzione Puglia!

Dopo una breve sosta a Napoli, la prima meta del viaggio è stata Matera. Una città meravigliosa e suggestiva, che incanta sia di giorno che di notte.


Arrivate verso ora di pranzo, ci siamo fermate a fare una pausa pranzo in via Ridola, nell’omonimo Ridola Caffè, un locale ispirato alle secolari arti e agli antichi mestieri lucani.

Dalla mattina il Ridola propone colazioni dolci e salate. A pranzo si possono assaporare i buonissimi crostoni fatti con il pane di Matera, friselle, facacce, insalate e torte salate per tutti i gusti.

Dopo una piccola passeggiata, poi, ci siamo dirette al Lidia Chambres d’Hotes, a due passi dal centro antico della città, un B&B composto da due mini appartamenti accoglienti e raffinati. Un luogo unico, attento al design e alle tradizioni.

Cambio look e via. Di nuovo in giro per la città a scattare foto, video, scovare posticini nascosti… perché Matera è così, ti sorprende man mano che cammini e ti addentri nella sua storia.

Il giorno seguente, sveglia presto e partenza per Altamura: la città del pane. Come resistere nel comprare una pagnotta calda da 1 kg e mangiarla li per li con le mani? Bella e buona… noi non abbiamo resistito!

Il centro storico di Altamura è un borgo all’interno della città, un luogo dove immergersi nella storia e nella cultura della Puglia più autentica. Qui abbiamo alloggiato presso il San Francesco Bed & Breakfast, nel cuore pulsante della città antica. La struttura è stata ricavata da un agglomerato di tipiche dimore disposte su più livelli. Oggi è un luogo di charme, con ingresso da un vicoletto del Corso Federico II di Svevia.

Trullallero Trullallà… gira di qui, gira di là, fino a che siamo passati per Alberobello. Ero troppo curiosa di vedere la città dei trulli! Camminare per le sue stradine ti fa sentire come in una fiaba. Un posto quasi surreale, che ti porta via dalla realtà. Non a caso Alberobello è stata dichiarata patrimonio dell’Umanità dall’Unesco.

Ma cosa fare durante una giornata qui? Be sicuramente, dopo le lunghe passeggiate, una cosa da fare è fermarsi a mangiare in un ristoranti tipico del posto. Noi abbiano fatto la siesta quotidiana al Ristorante L’Aratro, di Domenico Laera, che ha deliziato i nostri palati iniziando con antipasto dell’Aratro, ricco di varietà di prodotti tipici e materie prime quotidianamente ricercati dai produttori locali, e cavatelli con pomodoro fresco e cacioricotta.

Locorotondo era di strada, così ci siamo allungati per dare un’occhiatina a questo paesino dell’entroterra pugliese. Una città conosciuta per i suoi vini e per il suo centro storico a forma tonda, dal quale deriva il nome che significa “luogo rotondo“. La cosa che mi ha colpito di più è stato Palazzo Morelli, un palazzo costruito nel 1819 che ha un portale riccamente decorato e balconcini con caratteristiche ringhiere in ferro battuto tipiche delle costruzioni barocche del sud della Puglia.

Poi siamo arrivati a Polignano e… che ve lo dico a fare. Questa città mi ha folgorato! I colori, le insenature, le parole incise su muri, scale, angoli. Una città dove fermarsi più di un giorno, motivo per cui penso di tornarci presto per viverla a pieno. Magari in un periodo meno affollato, perché ad agosto, credetemi, non si cammina per strada. Ci sono fiumi di gente ovunque e fare una foto da Lama Monachile è quasi impossibile, ma per fortuna sono riuscita a rubare qualche scatto in questo posto magico, anche al tramonto.

Altra piccola “bomboniera” pugliese è indubbiamente Ostuni: la città bianca. Un borgo che sorge a più di 200 metri sul livello del mare, un groviglio di stradine tortuose, di piazzette e vicoli. Qui ci siamo fermati per cena in un posticino bellissimo, oltre che buonissimo, nel cuore della città. Evò Sapori di Vite è un locale che nasce in un antico deposito di olio di oliva, che offre buonissimi cocktails e sfizi della casa.

La Puglia è stata una fantastica scoperta. Ha saputo regalarci momenti unici e magici che ho provato ad immortalare nelle mie foto.

Chissà se con questo breve post sono riuscita a trasmettervi un po’ delle suggestive sensazioni ed emozioni che ho provato durante il mio viaggio…

Ringrazio Ford Italia ed i miei compagni di viaggio, in particolare Sabrina, per questa avventura da ripetere al più presto!

#FiestaOnTheRoad

Close